HOME PAGE

Aumenti CCNL turismo 2017
Dal 1 agosto 2017 scatta la seconda tranche di aumenti previsti dalla proroga del rinnovo del CCNL del Turismo.

L'attuale contratto vigente è quello stipulato il 18 gennaio 2014, che è stato prorogato con l'accordo del 9 febbraio di quest'anno, fino al 31 dicembre 2018. Va ricordato che solo Federalberghi e Faita hanno sottoscritto il rinnovo.

Per i lavoratori assunti entro il 13 novembre 2016 restano validi i minimi retributivi del 2016.

Minimi retributivi dal 1 agosto 2017 (per i lavoratori assunti dal 14 novembre 2017)
  • livello A - 2.199,06 euro
  • livello B - 2.036,37 euro
  • livello 1 - 1.897,70 euro
  • livello 2 - 1.734,99 euro
  • livello 3 - 1.636,64 euro
  • livello 4 - 1.544,59 euro
  • livello 5 - 1.449,03 euro
  • livello 6s - 1.393,54 euro
  • livello 6 - 1.367,55 euro
  • livello 7 - 1.287,82 euro


Continua a leggere...»
Aumenti retributivi CCNL del Commercio
Dal 1 agosto 2017 scatta la quinta e ultima tranche di aumenti relative al rinnovo del Contratto del Commercio.

Sotto sono elencati gli aumenti e le retribuzioni lorde per i livelli del CCNL per i dipendenti del terziario.

Aumenti lordi dal 1 agosto 2017 
  • Quadro - 41,67 euro
  • I livello - 37,53 euro
  • II livello - 32,47 euro
  • III livello - 27,75 euro
  • IV livello - 24 euro
  • V livello - 21,68 euro
  • VI livello - 19,47 euro
  • VII livello - 16,67 euro

Continua a leggere...»
Incentivi assunzioni
Nella Legge di Bilancio 2017 è stato previsto un incentivo per le assunzioni a tempo indeterminato di giovani lavoratori che hanno svolto l'apprendistato duale presso lo stesso datore di lavoro che ora vuole assumerli.

Esistono naturalmente delle regole per l'assunzione agevolata degli studenti, ex-apprendisti del sistema duale. Vediamo più in dettaglio chi può ricevere questi incentivi come dettagliato dalla circolare n. 109 dell'Inps.
  • Chi può accedere all'agevolazione? Gli studenti entro 6 mesi dall'acquisizione del titolo che hanno svolto un apprendistato duale o almeno il 30% delle ore di alternanza scuola-lavoro presso lo stesso datore di lavoro
    • Per quanto riguarda l'alternanza c'è un monte ore minimo che deve essere svolto presso il datore di lavoro: Istituti Tecnici e Professionali, 120 ore dell'ultimo triennio; Licei, 60 ore nell'ultimo triennio; ITS, 180 ore

Continua a leggere...»

Quando si può usare il lavoro a chiamata?

Lavoro a chiamata
Dopo la pubblicazione della Manovrina (legge 96/2017) in Gazzetta Ufficiale è bene approfondire di nuovo le restrizioni legate al lavoro a chiamata.

In generale il lavoro intermittente è vietato:
  • per sostituire lavoratori in sciopero
  • in aziende dove ci sono stati licenziamenti collettivi 
  • in aziende dove è attiva la cassa integrazione 
  • in aziende che non hanno effettuato la valutazione dei rischi
Quelli elencati sopra sono solo i casi in cui è espressamente vietato utilizzare il lavoro a chiamata. Ma questo sottosta anche ad altre regole, in parte già modificate dalla Riforma del Lavoro (Fornero). Parliamo dell'età del lavoratore e alle sue mansioni, ma vediamo più in dettaglio:
  • L'età del lavoratore deve essere sotto i 24 anni o oltre i 55 anni

Continua a leggere...»

Cambiano le regole per gli stage

tirocini extracurriculari
Il 25 maggio 2017, durante la Conferenza Stato-Regioni, è stato raggiunto un accordo che ha introdotto importanti modifiche alla disciplina dei tirocini extracurriculari, cioè quelli relativi ad attività formative, di orientamento, di inserimento o reinserimento lavorativo.

Rispetto alle vecchi regole, che risalgono al 2013 (legge 92/2012), sono cambiate molte delle regole che conoscevamo sugli stage che ora pongono una maggiore attenzione sui giovani lavoratori.
  • Durata: viene introdotta una durata minima di due mesi (un mese per le attività stagionali) e una durata massima di 12 mesi (24 mesi per le persone disabili). Se il tirocinante vuole interrompere lo stage dare una comunicazione motivata; da parte del datore di lavoro invece l'interruzione può avvenire solo per gravi inadempienze 
  • Destinatari: il tirocinio extracurriculari è diretto a disoccupati, anche con diploma superiore o laurea, lavoratori a rischio disoccupazione o in cerca di altra occupazione e persone disabili
  • Indennità: prevista una retribuzione per gli stage di 300 euro mensili che deve essere data per intero con una partecipazione base minima del 70% delle ore previste a livello mensile; questa indennità non comporta la perdita dello stato di disoccupazione

Continua a leggere...»